fbpx
assorbenti o coppetta mestruale - come fare la scelta giusta

Assorbenti o coppetta mestruale? Confrontiamoli insieme

assorbenti o coppetta mestruale - come fare la scelta giusta

Per la maggior parte della vita ogni ragazza deve fare i conti con il tanto odiato ciclo mestruale, presente 5 giorni al mese, 24 ore su 24. I giorni del ciclo sono particolarmente delicati e stressanti, ecco perché è importante affrontarli con serenità scegliendo la protezione più adatta. In queste situazioni, infatti, è utile farsi aiutare da chi davvero se ne intende e cercare di ascoltare il proprio corpo. Sul mercato esistono varie soluzioni e scegliere quella giusta può contribuire a rendere più sicura e tranquilla. Tra i prodotti che possiamo utilizzare i più diffusi sono gli assorbenti interni, esterni e la coppetta mestruale. La preferenza tra i prodotti in questione è molto soggettiva e alcune donne si trovano meglio con l’assorbente, altre con il tampone e altre invece, da quando hanno scoperto la coppetta mestruale, non riescono più fare a meno.
Ma quali sono tutti i vantaggi e gli svantaggi di questi prodotti? Abbiamo cercato di mettere a confronto assorbenti e coppette per capire una volta per tutte qual sia la soluzione migliore. Siete curiose? Allora iniziamo!

acquistare assorbenti in italia - aliablog

Assorbenti Esterni

Sono sicuramente i più tradizionali e diffusi nell’universo femminile e in vendita ce ne sono di ogni tipo di materiale, forma e dimensione. Restano i più usati dalle donne perché pratici e veloci da cambiare: si scartano, si applicano sullo slip e il gioco è fatto. Ce ne sono sia in tessuto che in materiali sintetici e si suddividono per spessore, lunghezza e presenza o meno di “ali”. Un grosso svantaggio degli assorbenti esterni è che vanno sostituiti ogni 2 ore circa, soprattutto se si vuole mantenere l’igiene intima sotto controllo e se non ci si vuole sporcare.

Assorbenti o coppetta mestruale - come scegliere 3

Il grande limite è il contatto tra la pelle e il sangue, che crea umidità e possibili infezioni da contatto o da sfregamento. Inoltre, il contatto può causare un aumento di calore nelle parti intime e la fuoriuscita di cattivi odori, che possono creare disagi e fastidi. Con gli assorbenti esterni non si potrà mai avere la sensazione di completa freschezza e morbidezza. Nel mercato gli assorbenti esterni sono disponibili in varie forme e modelli in base al periodo e dal grado di assorbenza richiesto. Ad esempio, è consigliato utilizzare i salvaslip nei giorni prima e dopo le mestruazioni, scegliere assorbenti più lunghi e spessi durante la notte, mentre è preferibile usare quelli con ali durante il giorno per evitare di sporcarsi. Tre tipologie diverse di assorbenti da acquistare per affrontare una sola giornata, per poi farli finire tutti nel cestino dei rifiuti indifferenziati. Un bello spreco non vi pare?

Oltre ad essere particolarmente costosi questi assorbenti contribuiscono ad aumentare i rifiuti che ogni giorno finiscono in discarica e aumentando sensibilmente l’impatto ambientale. Senza dimenticare che quando ci si trova fuori casa bisogna ogni volta ricordarsi di portare con sé gli assorbenti di ricambio e di gettare quelli usati sempre nei cestini. E parliamoci chiaro, sono più le volte che li dimentichiamo!

Tamponi Interni

Questa soluzione è pensata per chi ama la sicurezza e l’invisibilità, oltre per chi non vuole rinunciare ad andare al mare o in piscina nei giorni del ciclo. Tuttavia bisogna tenere presente alcune informazioni essenziali prima di utilizzarli. I tamponi interni vanno inseriti all’interno della vagina e hanno la funzione di bloccare il flusso mestruale assorbendolo e impedendone l’uscita all’esterno. Per imparare ad inserirli correttamente, almeno all’inizio, serve sicuramente un po’ di pratica.

That time of the month again

Altra cosa da tenere presente è che i tamponi devono essere cambiati dopo un massimo di 4 ore, e ciò non li rende adatti per essere impiegati durante la notte. Se si passa molto tempo fuori casa è necessario prendere i tamponi di scorta da sostituire a metà giornata o in base alle necessità. Inoltre, i tamponi interni non vanno usati nemmeno in caso di infezioni (come ad esempio la Sindrome da Shock Tossico TSS) o secchezza vaginale perché possono causare irritazioni con maggiore facilità.

Un fattore spesso sottovalutato è che per applicare un tampone interno è necessario che le mestruazioni siano già presenti (non si possono mettere preventivamente). Una volta rimossi vanno gettati nel cestino e non nel wc contribuendo a rafforzare la diffusa cultura dell’usa e getta aumentando i rifiuti indifferenziati e lo spreco di soldi per l’acquisto. Uno svantaggio in termini di comodità è che i tamponi interni devono essere tolti e sostituiti quando si va in bagno a fare la pipì. Anche i tamponi sono disponibili in diversi formati per garantire un diverso grado di assorbenza in funzione dei giorni del ciclo.

Assorbenti o coppetta mestruale - come scegliere 5

Coppetta Mestruale

Per molti anni è rimasta isolata venendo considerata da molte un prodotto di nicchia e di difficile utilizzo. Oggi fortunatamente non è più cosi, anzi! La coppetta mestruale è una valida, pratica ed ecologica alternativa agli assorbenti tradizionali. È realizzata in silicone platinico di grado medicale certificato, completamente anallergica, morbida e flessibile che ha lo scopo di raccogliere il flusso invece che assorbirlo. Questo consente un importante miglioramento in termini di igiene intima, evitando irritazioni e infezioni da contatto che solitamente possono avvenire con gli assorbenti e i tamponi interni.

Assorbenti o coppetta mestruale - come scegliere

Per utilizzarla basta semplicemente sterilizzarla mediante bollitura, farla asciugare e inserirla delicatamente come un tampone, seguendo le istruzioni. Grazie alla sua forma a cono, la coppetta aderisce perfettamente alle pareti, sigillandole e raccogliendo al suo interno tutto il flusso evitando problemi di perdite. La coppetta è disponibile in diverse misure e per scegliere quella corretta bisogna considerare l’età, eventuali parti e altre caratteristiche. Malgrado possa sembrare scomoda e ingombrante la coppetta risulta davvero facile da utilizzare (basta un po’ di pratica le prime volte) e da estrarre. Una volta piegata risulta della grandezza di un tampone. È la soluzione ideale per tutte le donne anche per quelle con flusso più abbondante.

Assorbenti o coppetta mestruale - come scegliere 6

A differenza dei normali assorbenti, una volta indossata ci si dimentica di averla addosso e non deve essere svuotata per tutto il giorno, anche durante tutta la notte (fino a un massimo di 8-10 ore). La coppetta è sicuramente la soluzione più economica rispetto agli assorbenti perché è riutilizzabile fino a 10 anni, consentendo un rapido ammortamento del costo iniziale (costa solo 19,90€).  Inoltre, è la soluzione più ecologica di tutte visto che riduce lo spreco dei rifiuti diminuendo l’impatto ambientale. Senza contare che offre il massimo della discrezione e della praticità visto che non ha parti che restano all’esterno, come nel caso dei tamponi, e può tranquillamente essere utilizzata al mare o in piscina.