bagni èubblici e covid 19

Bagni pubblici e Covid-19: istruzioni per l’uso

È risaputo che i bagni pubblici siano focolaio di differenti malattie urinarie e non, causate principalmente da batteri e in generale micro organismi che si depositano e sopravvivono su WC e altre superfici del bagno.

In questo periodo, caratterizzato da distanze sociali e prudenza nel contato con gli altri diviene ancora più importante prestare attenzione e quando possibile evitare l’utilizzo dei bagni pubblici, frequentati da differenti persone che possono involontariamente lasciare traccia del loro passaggio con microbi e batteri.

In questo articolo ti daremo qualche piccolo consiglio su come affrontare un bagno pubblico in totale sicurezza.

bagno pubblico

La prima regola quando c’è la possibilità di scegliere il bagno è quella di cercare quello che appare più pulito. Per farlo è necessario aprire tutte le porte delle singole toilette, ma attenzione, meglio evitare il contatto con le maniglie. Per questo se non abbiamo a disposizione dei guanti è indicato applicare sulle mani gel igienizzante prima e dopo il contatto con qualsiasi superfice, per evitare la diffusone di batteri ed eliminare quelli che possono essere rimasti sulle nostre mani. Se non abbiamo il gel igienizzante a disposizione nella borsa, è consigliato comunque utilizzare una salvietta o un fazzoletto per toccare la maniglia.

La porta è aperta e ora? Perlustriamo con uno sguardo la stanza e in particolar modo il WC: prima di tutto se la tavoletta è abbassata dobbiamo alzarla, sempre evitando di entrare in contatto direttamente con la stessa, ma soprattutto sperando che chi è entrato prima di noi abbia tirato lo sciacquone.  Una volta alzata la tavoletta controlliamo che non siano presenti gocce su di essa, se dovessero esserci, meglio eliminarle passando della carta e un po’ di gel igienizzante.

E se chi è entrato precedentemente non ha compiuto correttamente i suoi doveri di buon cittadino e quello è l’unico bagno? In questo caso sarà inevitabile fare un sospiro, prendere coraggio e tirare l’acqua.

porte toliette ristonate

Una volta scelto il bagno migliore, o reso più igienico l’unico presente, non ci rimane che farla. Facile penserai? In teoria sì, in pratica meglio non appoggiarsi. Ora ti starai chiedendo quale sia la scelta più consona tra ricoprire il WC con la carta igienica per creare una barriera e accovacciarsi, facendo attenzione a non perdere l’equilibrio. La verità è che nessuna delle due modalità è quella corretta: la carta igienica non è un dispositivo di protezione e mantenere l’equilibrio, senza sporcarsi può essere veramente difficile.

La risposta al tuo quesito, tuttavia, esiste ed è Alia Cone: il cono monouso in cartoncino che ti consente di fare comodamente pipì in piedi e di non sporcarti. È piccolo, discreto e racchiuso in una confezione sterilizzata che ti permette di portarlo sempre con te.

Utilizzarlo è sicuramente più facile che improvvisarsi equilibrista: apri la confezione, stendi il cono, lo premi ai lati per dargli la forma, lo appoggi alle parti intime, indirizzi il beccuccio e inizi a mingere. Facile come fare pipì insomma!

Hai quasi completato la tua missione, ma è necessario ancora prestare attenzione uscendo dal bagno: dopo aver gettato il cono biodegradabile Alia Cone, cerca di non entrare in contatto con maniglie e altre superfici. Lavati le mani e ricorda di chiudere il rubinetto con un pezzo di carta.

 

alia cup in mano con gambo

Fare pipì non è tuttavia l’unica motivazione per la quale noi donne ci rechiamo in bagno. La verità è che molto spesso abbiamo necessità di utilizzare un bagno pubblico per cambiare l’assorbente. Questa situazione può essere facilmente evitabile decidendo di passare alla coppetta mestruale. Tra i suoi molteplici punti di forza Alia Cup ha la capacità di contenere il ciclo mestruale fino a 10 ore, riducendo notevolmente il nostro passaggio in bagno e minimizzando i contatti con le sue molteplici superfici sporche. Inoltre, a differenza di quello che molto spesso si pensa, la coppetta non comprime in alcun modo la vescica e di conseguenza non aumenta la frequenza delle pause bagno. Alia Cup è presente, infatti, in due taglie per adattarsi al meglio al corpo femminile, senza causare fastidi (Scopri Come scegliere la taglia di Alia Cup più adatta a te).

Altro motivo per cui noi donne ci rechiamo in bagno è il trucco. In questo caso la miglior scelta è utilizzare dei cosmetici che non necessitino di ritocchi, quindi meglio optare per prodotti long lasting o waterproof ed evitare un ulteriore passaggio in bagno solo per sistemare il rossetto o rimettere il mascara. Se, invece, utilizzare il trucco fuori casa diviene necessario meglio sistemarlo all’interno della propria auto o in luoghi meno “rischiosi”.

Per concludere possiamo dire che il miglior modo per utilizzare i bagni pubblici in sicurezza è sicuramente evitarli. Tuttavia, quando questo non è possibile è necessario utilizzare delle precauzioni e adottare delle strategie ad hoc, come utilizzare Alia Cup durante il ciclo e Alia Cone per fare pipì senza appoggiarsi sulla tavoletta, oppure semplicemente optare per un trucco più resistente.