fbpx
bagni scuola e università

Bagni scolastici e universitari: istruzioni per l’uso

Fare pipì nei bagni differenti da quello di casa sta diventando sempre più complicato e a volte per le ragazze può essere pericoloso utilizzare anche i bagni della scuola o dell’università. Questi luoghi sono frequentati da molte persone e spesso tendono a essere sporchi o in ogni caso ricettacolo di batteri e germi che possono portare a infezioni alle vie urinarie. È quindi essenziale prevenire qualsiasi contatto con le superfici del WC e prestare attenzione durante la minzione.

bagni scuola e università

Tra i bagni che utilizziamo più spesso fuori casa vi sono quelli della scuola e dell’ateneo. Queste toilette sono frequentate da decine se non centinaia di persone ogni giorno e per quanto possano essere intensificate pulizie e disinfezione quotidiana, la possibilità di entrare in contatto con germi che possono causare infezioni è veramente alta.

Maniglie e rubinetti sono i primi nascondigli per germi, batteri, virus e funghi. Per questo motivo è consigliato prima e dopo aver toccato questi oggetti disinfettarsi le mani con un gel igienizzante mani a base alcolica.

Come fare pipì nei bagni della scuola senza appoggiarsi alla tavoletta?

Una volta entrate in bagno inizia la parte più difficile, quella che ci vieta rigorosamente di sederci per urinare e rende il momento del bisogno più complesso.

Fin dalla preistoria, o almeno dall’invenzione del WC, le donne hanno studiato e adottato differenti metodi per “non appoggiarsi” ed evitare qualsiasi contatto con la tavoletta del WC.

Tra i metodi più rinomati vi è quello che prevede di ricoprire la tavoletta del water con carta igienica al fine di creare una barriera tra il nostro corpo e il WC. Per le più coraggiose e allenate vi è il metodo dell’equilibrista che presuppone una concentrazione ottima e grande forza sulle gambe. Nel tempo sono stati studiati e sperimentati altri metodi… tutti poco validi e sicuri.

Ma esiste una soluzione pratica per fare pipì nei bagni di scuola e università? Un metodo comodo e sicuro per fare pipì senza troppi pensieri nei bagni fuori casa esiste ed è il metodo Alia Cone. Grazie a questo pratico cono in cartoncino idrorepellente andare in bagno anche fuori casa non sarà più un supplizio o una prova di resistenza.

alia cone

Basta entrare nel bagno munite di Alia Cone, estrarlo dal flowpack che lo mantiene sterilizzato, aprirlo, appoggiarlo sulle parti intime, posizionare correttamente il beccuccio e stando in piedi iniziare a mingere. Una volta fatti i bisogni, basta gettare il cono nel cestino (perché è biodegradabile) e igienizzarsi ancora le mani dopo aver toccato rubinetti e maniglie uscire dal bagno.

Come utilizzare i bagni della scuola con il ciclo mestruale?

Dover andare spesso in bagno fuori casa per cambiarsi l’assorbente o il tampone durante il ciclo può essere particolarmente fastidioso, soprattutto se il bagno in questione non è particolarmente pulito o è frequentato da molte persone.

GIF come piegare la coppetta a tulipano

Ma Alia ha pensato a una soluzione anche per questo. No, non ti evita il ciclo e tutti i suoi dolori, ma ti aiuta a ridurre gli accessi alla toilette della scuola o dell’università con l’utilizzo di Alia Cup, la coppetta mestruale che raccoglie il ciclo fino a 10 ore. Ti basta inserirla la mattina prima di andare a scuola e ti scordi di avere il ciclo fino al tuo rientro a casa. Non dovrai più preoccuparti di cambiare l’assorbente ogni cambio dell’ora o di avere i pantaloni macchiati perché con Alia Cup eviti perdite, cattivi odori e cambi frequenti di assorbente.

Insomma grazie ad Alia nessun bagno sarà più abbastanza sporco o imbarazzane per non essere affrontato in sicurezza. Ogni volta che devi toccare maniglie o rubinetti puoi utilizzare Alia Gel e quando ti scappa la pipì puoi farla comodamente in piedi nella toilette grazie ad Alia Cone. Durante il ciclo mestruale, invece, puoi tranquillamente evitare l’uso frequente del bagno della scuola grazie alla coppetta mestruale Alia Cup.