fbpx

Ciclo al mare: la soluzione definitiva a tutti i disagi

Non c’è nulla da fare, il ciclo al mare è un disagio sotto tanti aspetti: il primo è sicuramente quello legato alla scelta dell’outfit, il secondo ai vari cambi di tamponi e assorbenti durante la giornata e poi vi è quello forse più rilevante di tutti, ossia il bagno in mare. Per fortuna vi è una soluzione unica, semplice e pure ecologica che risolve tutte le questioni del ciclo al mare: la coppetta mestruale Alia Cup. In questo articolo scoprirai come, dopo anni di tamponi e assorbenti o giornate al mare perse, la soluzione è in realtà a portata di mano, anzi a portata di borsa.

Ciclo al mare: il costume

Assunto che abbiamo deciso di dire sì e di passare la giornata al mare con i nostri amici nonostante il ciclo, la prima difficoltà che ci troviamo ad affrontare, coerentemente con questa scelta, è quella che riguarda il costume e, a dirla tutta, il look dell’intera giornata. Infatti, il metodo di assorbenza vincola non poco anche il nostro outfit da spiaggia. Le ragazze che non amano utilizzare i tamponi interni e impavide decidono di affrontare la giornata di sole, sabbia e acqua salata con gli assorbenti, quasi sicuramente opteranno per indossare tutto il giorno dei pantaloncini sopra il costume, che in ogni caso non sarà troppo sgambato, per fare in modo che l’assorbente aderisca bene e possibilmente non sporga ai lati.

viaggiare da sole in sicurezza - aliastore - aliablog

E sappiamo tutte cosa si prova a dover stare sotto il sole cocente della spiaggia in pantaloncini, e a dover giustificare ai propri amici il motivo per cui si indossano.
Le ragazze che invece decidono di indossare i tamponi interni potranno fare a meno dei pantaloncini, ma dovranno comunque scegliere un costume poco sgambato e a due pezzi, per facilitare i cambi in bagno. Ovviamente nessuna oserà indossare un costume bianco o dai colori chiari, che potrebbe macchiarsi facilmente.

Insomma che la scelta ricada su tamponi interni o assorbenti, le considerazioni da fare sul costume sono le stesse. La soluzione pratica, immediata e che ci fa sentire totalmente libere di scegliere il bikini o il costume che più ci dona, a prescindere dal colore o dal taglio, è la coppetta mestruale Alia Cup, perché non si vede e non causa perdite. Non ha parti o fili che sporgono e, aderendo perfettamente alle pareti della vagina, evita fuoriuscite di sangue. In poche parole ci rende libere di vestirci come meglio crediamo anche in spiaggia.

Ciclo al mare: i cambi

Superata la prova costume da ciclo ci si pone un’altra questione: i cambi. Un assorbente deve essere cambiato al massimo dopo 4 ore e, visto che potrebbe facilmente diventare più maleodorante del solito sotto il sole, è consigliato aumentare il numero di cambi e farne uno ogni due ore. Il tampone interno forse è, da questo punto di vista, anche una questione ancora più spinosa perché necessita di essere cambiato con maggiore frequenza, soprattutto dopo il bagno in mare.

coppetta mestruale al mare

Altro disagio relativo al cambio degli assorbenti in spiaggia è proprio l’atto in sé. Dobbiamo infatti sperare che i bagni dello stabilimento siano adeguatamente puliti e forniti di apposito bidoncino. Ah no, facciamo un passo indietro, dobbiamo essere in uno stabilimento o almeno in una spiaggia che non abbia una toilette troppo lontana e poi sperare che il bagno sia pulito e vi sia un bidoncino in cui gettare gli assorbenti usati. E sul gettare gli assorbenti nel bidoncino non è possibile transigere perché mediamente un assorbente non ecologico richiede 10 anni per degradarsi, quindi è impensabile nasconderlo sotto la sabbia o abbandonarlo da qualche parte.

La coppetta mestruale Alia Cup è la soluzione anche per questo disagio causato dal ciclo al mare. Infatti, Alia Cup può contenere il ciclo fino a 10 ore, coprendo quasi interamente la giornata in spiaggia e in ogni caso è più facile da gestire rispetto a un assorbente, perché deve essere solamente svuotata nel wc e poi sciacquata con dell’acqua potabile.

Inoltre, Alia Cup risponde positivamente anche alla questione ambientale poiché non crea spreco essendo riutilizzabile moltissime volte, visto che dura fino a 10 anni.

Ciclo e bagno al mare

Eccoci arrivate al tasto più dolente di dover andare al mare con il ciclo: il bagno. Fare il bagno in mare con il ciclo è uno dei più gradi disagi durante le vacanze. Questo perché le opzioni fino ad oggi sono state sostanzialmente tre: la prima è quella di tenere indossato il tampone interno, la seconda di tenere assorbente e pantaloncini e bagnarsi fino alle ginocchia e la terza è quella di togliere tutto prima di entrare in acqua, incrociare le dita e sperare che l’acqua fredda blocchi temporaneamente il ciclo.

Ecco tutte queste opzioni sono poco igieniche e anche pericolose per noi. Decidere di bloccare volontariamente il ciclo non è mai una buona idea e fare assorbire al tampone anche l’acqua di mare è sicuramente poco igienico, oltre ad essere molto scomodo. Lo stesso vale per gli assorbenti, con l’aggravante che l’assorbente può staccarsi e iniziare a fluttuare in acqua.

La coppetta mestruale Alia Cup, a differenza di assorbenti e tamponi, può tranquillamente essere utilizzata in acqua perché non assorbe il ciclo, ma lo raccoglie e di conseguenza non assorbe nemmeno l’acqua del mare. È igienica perché è realizzata in silicone platinico di grado medicale, materiale puro che non trattiene batteri e microorganismi e rende la coppetta ideale per essere indossata per diverse ore.

Insomma, la soluzione definitiva per andare al mare senza pensieri anche con il ciclo mestruale si chiama Alia Cup e ti permette di indossare il costume che preferisci, fare il bagno in mare in modo igienico ed evitare di cambiarti nei bagni dello stabilimento. Con la coppetta mestruale Alia andare al mare con il ciclo non sarà più un disagio.