fbpx
quanto devono durare le mestruazioni?

Durata delle mestruazioni: quando allarmarsi?

“Quando finisce ‘sto ciclo?” è una domanda ricorrente in quei giorni. Convivere con un ciclo doloroso non è facile, ma anche avere a che fare un ciclo mestruale con cadenza irregolare o mestruazioni che durano troppo a lungo non è proprio un gioco da ragazze. Ma quando la durata delle mestruazioni è da considerarsi “lunga”? E quando bisogna iniziare a preoccuparsi?

quanto devono durare le mestruazioni?

Più volte abbiamo detto che ogni donna è diversa, e ognuna ha le proprie particolarità in fatto di ciclo. Ci sono quelle che hanno un flusso intenso e breve, quelle che hanno un ciclo meno copioso e dilazionato nel tempo e quelle che hanno un flusso abbondante e lungo. Insomma, quando si parla di mestruazioni e di ciclo esistono le regole, ma soprattutto le eccezioni. Per questo i fattori da considerare sono diversi e cercare di capire se la durata del nostro ciclo è in realtà sintomo di qualcos’altro è fondamentale per il nostro benessere. Come capire, quindi, quando preoccuparsi per la durata delle mestruazioni? Ecco i fattori da tenere in considerazione:

1. L’unicità del proprio ciclo

Come anticipato l’esperienza del singolo la fa da padrona. Conoscersi e conoscere il proprio ciclo è fondamentale per capire se le nostre mestruazioni durano “troppo”. Alcune ragazze hanno mestruazioni che durano solo tre giorni, altre arrivano fino a sette e altre ancora descrivono le proprie mestruazioni con una durata di pochi giorni, ma con spotting fino a sette giorni. Tendenzialmente, il ciclo vero e proprio, ossia l’insieme di tutte le fasi: premestruale, mestruale e ovulazione dura dai 21 ai 35 giorni, mentre la fase delle mestruazioni ha una durata media che va dai tre ai sette giorni. Con l’età e con le gravidanze la durata tende a dilatarsi, quindi ragazze che avevano mestruazioni della durata di tre giorni, dopo il parto possono arrivare ad averle di sette.

In adolescenza e con i primi cicli mestruali non è facile capire la durata del ciclo in sé e delle mestruazioni, questo perché i primi anni sono una fase di assestamento per il nostro corpo e serve tempo per capire come il ciclo e le nostre mestruazioni si comportano. Tendenzialmente, dopo un paio di anni dal primo ciclo diviene più facile individuare la propria periodicità. Infatti, nei primi anni di ciclo non è necessario preoccuparsi se gli intervalli del ciclo mestruale non sono regolari, quando però si trova il proprio equilibrio è giusto tenere traccia della sua durata, magari attraverso un’applicazione per monitorare eventuali variazioni nel tempo. (Nel nostro articolo sulle migliori app al femminile te ne consigliamo una).

2. La reiterazione nel tempo e gli eventi della vita

Il secondo fattore da tenere in considerazione per capire se le mestruazioni durano “troppo” è strettamente collegato al primo. Se intuiamo che le nostre mestruazioni hanno una durata media di 4 giorni è perché monitorandole abbiamo capito che 8 cicli su 10 hanno questa durata e i due cicli rimanenti discostano di un giorno. In poche parole, abbiamo tirato le somme e imparato a conoscerle un po’ meglio, decifrando il nostro standard. È fondamentale notare queste variazioni nel tempo, perché il ciclo risente dei cambiamenti della vita di tutti i giorni. Un periodo stressante può essere causa di un ciclo irregolare e, a volte, può portare a delle mestruazioni più brevi o più lunghe. Se ci capita per un paio di cicli e siamo coscienti che il periodo non sia dei migliori non serve allarmarsi. Tuttavia, quando iniziamo a notare che per più di 4 cicli mestruali, le nostre mestruazioni tendono a durare di più è consigliato rivolgersi a uno specialista per cercare quale possa essere la causa di questa anomalia.

3. L’abbondanza del flusso

utero

Anche l’abbondanza del flusso in questi casi è un fattore da non sottovalutare. Molte volte, un ciclo più lungo è anche accompagnato da un flusso più copioso e questi due sintomi insieme, purtroppo, non sono molto rassicuranti. In questo caso è fondamentale rivolgersi a un ginecologo perché perdite abbondanti e lunghe sono solitamente associate ad endometriosi e polipi uterini. Quindi quando questi due sintomi si ripresentano per più di 4 cicli oppure ci appaiono particolarmente anomali, considerati i nostri cicli precedenti è necessario rivolgersi a un ginecologo e approfondire la questione.

4. Il parere di un esperto

In ogni caso, tutte le congetture che possiamo fare sulle nostre mestruazioni non potranno mai andare a sostituire un parere medico. È quindi importante monitorare il nostro ciclo, imparare a conoscerlo, perché così sarà più facile capirne le variazioni e intuire quando è necessario chiedere un parere a un esperto e accertarsi del motivo perché le nostre mestruazioni stiano durando più a lungo del solito.

Non esiste quindi un termine temporale oggettivo che ci permette di capire se le nostre mestruazioni stiano durando troppo a lungo. Ma è possibile capirlo, imparando a conoscersi e a conoscere il nostro corpo, monitorando e tenendo traccia dei nostri cicli, e una volta osservata la variazione, consultare un medico per capire se le nostre mestruazioni durando effettivamente troppo a lungo.